Liberidiresistere

per non dimenticare

Bosworth a Villanova d’Asti

 Nell’ambito delle manifestazioni per il 64° anniversario della Liberazione il Comune di Villanova d’Asti ha il piacere di ospitare un evento di particolare interesse e importanza, sia per quanto riguarda la conoscenza della nostra storia recente, sia per quanto riguarda la crescita civile della comunità:

 

copia-di-villanova

 

 

 Martedì  5  maggio  2009 ore 21.00 Chiesa  dell’Annunziata  di  Villanova  d’Asti

  

Il Professor Bosworth è uno dei massimi studiosi inglesi del fascismo italiano. Due suoi saggi storici recenti sono stati tradotti in italiano da Mondadori; si tratta di:  Mussolini  (una biografia del dittatore), e de L’Italia di Mussolini (un’indagine capillare sulla società civile italiana dal 1915 al 1945). Il professor Bosworth è in Italia nella prima settimana di maggio per presentare il suo ultimo lavoro presso il Collegio Ghislieri di Pavia. L’intervento a Villanova è stato proposto da John Meddemmen, docente dell’Università degli Studi di Pavia, noto studioso dello scrittore Beppe Fenoglio e appassionato conoscitore del nostro territorio: gli studi più recenti, infatti, stanno evidenziando un legame profondo, non molto conosciuto in passato, fra lo scrittore di Alba e l’Astigiano, sia negli ultimi mesi della Resistenza, sia nel Dopoguerra. Nella serata del 5 maggio, partendo dall’analisi di Richard Bosworth su che cosa fu la società civile italiana sotto il fascismo, si cercherà  di affrontare l’aspetto del maturare dell’antifascismo nelle nostre zone: antifascismo di cui Fenoglio fu esponente di spicco ed eccezionale interprete nei suoi scritti e romanzi.     

Annunci

aprile 27, 2009 Posted by | news | , , , , , , , | 1 commento

XXV Aprile a Canale. Intervento del dott. Calandri

calandriIl 25 aprile è sempre stata, per me, la più importante festa civile e madre delle altre, ad es. del 2 giugno. Spero sia così anche per voi tutti: una ricorrenza importantissima, la più importante.

            Perché la sento così tanto? Forse perché vivo da sempre in questa provincia, dove la tradizione è forte e la memoria resiste.

Non voglio fare qui una lezione di storia. Per di più a gente che non ne ha bisogno, che sa tante cose, che non dimentica. Fosse così anche nelle altre parti d’Italia! Fosse così tra i nostri governanti! Continua a leggere

aprile 27, 2009 Posted by | Festa del XXV aprile | , , | Lascia un commento