Liberidiresistere

per non dimenticare

GIORNATA DELLA MEMORIA IN TV

RAI 1
Già mercoledì 26 gennaio “Unomattina” dedicherà alla Giornata della Memoria lo spazio di “Aspettando Unomattina”, dalle 06.10 alle 06.30. Il 27 gennaio sarà il tema di apertura programma, dalle 06.40 alle 06.55. Dopo i notiziari, “Bontà Loro”, alle 14.10, ospiterà Marcello Pezzetti (storico) e Eva Fisher, pittrice perseguitata che ha perso 34 familiari nei campi di sterminio. Inoltre verrà ricordata con immagini e filmati Tullia Zevi, scomparsa nei giorni scorsi e per lungo tempo Presidente delle Comunità Israelitiche italiane. La staffetta prosegue con “Se a casa di Paola” che, alle 14.40 che ospiterà Alberto Sed, uno dei sopravvissuti alla deportazione. “Sottovoce” avrà come ospite Leone Paserman Presidente del Museo della Shoah mentre “La vita in diretta”, alle 16.10, proporrà la storia di Giorgio Goldenberg che diventa Shlomo Paz in Israele salvato da Gino Bartali. Ha scritto allo Yad Veshem, il Museo della Memoria di Gerusalemme, la sua testimonianza affinché Bartali sia riconosciuto tra i Giusti delle nazioni. Nella fascia notturna sarà, poi, proposto il film documentario “Volevo solo vivere”. Sabato 29, infine, per “Sabato Club” sarà trasmesso il film “Il cielo cade”, per la regia di Andrea e Antonio Frazzi con Isabella Rossellini, Jeroen Krabbé, Veronica Niccolai, Lara Campoli. Ambientato in Toscana, estate 1944, racconta attraverso le vicende delle piccole sorelle Penny e Baby, delle persecuzioni razziali e delle rappresaglie naziste dopo l’8 settembre del 1943.

RAI 2
Mercoledì 26 gennaio, alle 8.00, sarà trasmessa una puntata de “La Storia siamo Noi – per i 150 anni dell’Unità d’Italia dal titolo: “I bambini di Izieu”, alle 11.00 il programma “Apprescindere” dedicherà l’intera puntata all’argomento. In studio con Michele Mirabella la scrittrice Edith Bruck, sopravvissuta ai campi di sterminio, Simona Colarizi, docente di Storia Contemporanea all’Università La Sapienza di Roma e il giornalista Riccardo Iacona. Giovedì 27 gennaio, alle 8.00, nuova puntata de “La Storia siamo Noi- per i 150 anni” trasmetterà: “Olocausto – Chi sapeva?” , poi, alle 11.00 in diretta dal Palazzo del Quirinale per le “Celebrazioni del Giorno della Memoria” a cura del TG3 ed in collaborazione con Rai Quirinale. Alle 15.50 a “GT Ragazzi” si parlerà del libro “Jacob, il bambino di creta” di Andrea Salvatici (Storia di un bambino vittima della deportazione romana dell’ottobre del 1943) nello spazio libri con Neri Marcore’. “Geo&Geo” nell’ ultima parte, alle 18.50, avrà come ospite in studio uno storico che affronterà l’argomento dal suo punto di vista.
Alle 21.00 sarà trasmesso il film “Il falsario” basato sulla vera storia di Salomon Sorowitsch, ebreo, falsario e bohemien, che nel 1944 accetta di aiutare i nazisti in un’operazione di contraffazione organizzata per aiutare a finanziare lo sforzo bellico. Nel campo di concentramento di Sachsenhausen, due baracche vengono isolate e trasformate in un attrezzatissimo laboratorio in cui lavorano i prigionieri. Per i ‘falsari’, non si tratta solo di salvare la vita, ma anche la coscienza. Diretto da Stefan Ruzowitzky, il film fu presentato in concorso al Festival di Berlino e vinse il Premio Oscar 2008 come miglior film straniero.

RAI 5
Il nuovo canale d’intrattenimento culturale il 27 gennaio, alle 23.40, trasmetterà il film documentario “La strada di Levi”. Il 27 gennaio 1945 lo scrittore Primo Levi viene liberato dal campo di concentramento di Auschwitz e inizia un viaggio di dieci mesi per rientrare nella sua Torino. Sessanta anni dopo il regista Davide Ferrario compie lo stesso tragitto attraverso l’Europa di oggi segnata dal post-comunismo. Sabato 29, alle 21.30, la rubrica “5 Buoni Motivi” – consigli di visione in 5 buoni motivi di “ Canto del popolo ebraico massacrato”, a seguire alle 21.35 l’opera teatrale di Moni Ovadia “Canto del popolo ebraico massacrato” in scena al Binario 21 della stazione di Milano, sede della Fondazione Memoriale della Shoah, lo spettacolo ricorda lo sterminio del popolo ebraico e di tutti coloro che hanno subito la deportazione, la prigionia e la morte. Questi programmi saranno replicati domenica 30 gennaio, lunedì 1 e martedì 2 febbraio.

RAI MOVIE
Giovedì 27 gennaio , alle 17.30, andrà in onda “La Tregua” film del regista Francesco Rosi, ispirato all’omonimo romanzo di Primo Levi, che narra la storia di un gruppo un gruppo di deportati liberati dai russi dal lager di Auschwitz ma, in assenza di indicazioni o di punti di riferimento, rimane sbandato.

RAI EDUCATIONAL
Magazzini Einstein, giovedi 27 gennaio, alle 00.40, su Rai3 presenta “Porrajmos. Parole in musica” – La memoria del Porrajmos, lo sterminio nazifascista dei Rom e Sinti, attraverso l’opera musicale di un artista italiano Santino Spinelli.
Venerdì 28, invece alle 00.40, su Rai3, la rubrica “Cult Book” proporrà “Grossman,McCourt,Todorov”

RAI STORIA
Programmazione speciale quella di giovedì 27 gennaio, per celebrare la Giornata della Memoria 2011, in onda sul canale Rai Storia, su Digitale Terrestre e Tivu’ Sat.
La rubrica Res propone un appuntamento in due parti per ricordare e raccontare l’Olocausto Italiano.
Alle 9.00 la prima parte dedicata ai personaggi, raccoglierà le testimonianze tratte dalle Teche Rai, tra cui Lia Levi, Elio Toaff, Pietro Terracini, Nedo Fiano.
Giovani attori leggono le lettere inedite raccolte nel volume “Ebreo non esisti!” di Paola Frandini studiosa di letteratura ebraica. Le lettere provengono dall’Archivio di Stato e furono inviate dalle famiglie ebree italiane a Benito Mussolini all’indomani dell’emanazione delle leggi razziali fasciste del 1938, quando ebbe inizio la politica di discriminazione nei confronti degli ebrei. Infine il ritorno in Polonia di Primo Levi, che nel 1983 decide di ripercorrere i luoghi della sua prigionia. La puntata dedicata ai personaggi contiene anche la testimonianza di Rubino Romeo Salmoni, sopravvissuto ad Auschwitz Birkenau, le cui memorie sono appena state pubblicate dalla Provincia di Roma, in un volume dal titolo “Ho sconfitto Hitler”. La vicenda umana e le riflessioni di un giovane ragazzo romano che racconta la vergogna della discriminazione delle leggi razziali e l’atrocità della deportazione in Polonia.
Alle 11.00 la seconda parte dedicata ai Fatti. Sarà proposta la puntata di AZ “Un fatto come e perché”, programma con cui la Rai ha seguito il processo del 1976 ai responsabili dell’ unico campo di sterminio italiano, la Risiera di San Sabba di Trieste. Emilio Ravel, giornalista inviato di quel tempo, racconta gli stati d’animo dei testimoni e la reazione dell’opinione pubblica a quel processo che finì per condannare all’ergastolo un solo imputato.
Con la sua testimonianza, Emilio Ravel offre una visione e una rilettura dell’Olocausto, contestualizzato a come fu vissuto e sentito in quegli anni.
In occasione della Giornata della Memoria, Dixit ,giovedì 27, alle 21.00, presenta “Caccia ai nazisti. Eichmann e Mengele”. Una serata per rendere onore alle vittime della Shoah, raccontando la fuga dei due criminali nazisti, forse quelli più colpevoli: il primo, Adolf Eichmann, nel pianificare lo sterminio; il secondo, Josef Mengele, nell’usare esseri umani come cavie. La storia, ma anche il coraggio, la caparbietà e l’ansia di giustizia con cui i sopravvissuti hanno dato loro la caccia, per interminabili mesi. Un appuntamento ricco di tensione morale e di una altrettanto forte tensione narrativa.
Sabato 29 gennaio, infine, alle ore 21.00 su Rai Storia Dixit presenta “Olocausto”. Dalle leggi razziali alla Soluzione Finale della questione ebraica. Il viaggio drammatico nell’inferno dei lager raccontato dai testimoni diretti. Tornando a ritroso nel tempo, i testimoni della Shoah raccontano la loro tragedia personale e collettiva. Dopo la Conferenza di Wansee e l’approvazione della Soluzione Finale, in tutto il territorio del Terzo Reich e nelle zone d’influenza tedesca vengono organizzati i campi di lavoro e di sterminio: Auschwitz, Dachau, Sobibor, Treblinka, per citarne alcuni.

Iris giovedì 27 gennaio 2011, dalle ore 12.30 sino a notte fonda, propone una lunga maratona di opere cinematografiche nazionali e internazionali, dal titolo Per non dimenticare, dedicate alla Shoah.
Centrale l’appuntamento con La vita è bella, in onda in prima serata

Retequattro, il 26 gennaio, in prima serata, con la prima visione del film “Defiance, i giorni del coraggio”, con Daniel Craig, basato sui fatti realmente accaduti raccontati nel romanzo di Tec Nechama “Gli ebrei che sfidarono Hitler”.

Italia 1, nella notte tra il 27 e il 28 manda in onda lo Speciale Studio Aperto “La notte della memoria”, un lungo reportage realizzato e curato dall’inviata storica del tg di Italia 1, Gabriella Simoni.

La7 il 26 gennaio alle 21.10, alla vigilia della Giornata della Memoria, Marco Paolini porta ancora una volta il teatro civile in televisione con “AUSMERZEN. Vite indegne di essere vissute”. Una serata dedicata alla terribile vicenda legata alle teorie dell’eugenetica che, fra il ’34 e il ’45, ha portato il nazismo alla sterilizzazione prima, e all’eliminazione poi, dei disabili e dei malati di mente, con la sperimentazione di tecniche di “eliminazione di massa”.

Anche il palinsesto pomeridiano della Rete sarà dedicato al ricordo di tutte le vittime dell’Olocausto: alle 13.50 sarà in onda L’Ultimo treno di Yurek Bogayevicz. Un racconto della realtà dei crimini nazisti, dei campi di sterminio, dei rapporti tra ebrei e cattolici, attraverso gli occhi di un bambino ebreo. A seguire, alle 15.55 in prima visione tv, Non vi ho dimenticato, documentario diretto da Richard Trank che, attraverso la voce narrante del premio Oscar Nicole Kidman, racconta le vicende dell’ingegnere austriaco ed ebreo Simon Wiesenthal, persecutore dei criminali nazisti sopravvissuto all’Olocausto.

L’impegno di LA7 continua giovedì 27 gennaio con Caccia all’uomo di Norman Jewison, pellicola incentrata sulla vita di un ex boia nazista che diventa bersaglio di sicari e di investigatori della polizia. In onda alle 13.50.

Infine, alle 15.55, sarà la volta di Train de vie, il capolavoro diretto e sceneggiato dal regista franco-rumeno Radu Mihaileanu e vincitore nel 1998 del David di Donatello come miglior film straniero. Una pellicola che affida alla favola il compito di raccontare l’Olocausto, coniugando così dramma, avventura e umorismo tipicamente yiddish. Protagonisti, gli abitanti di uno shtetl dell’Est europeo che nel 1941 organizzeranno una straordinaria messa in scena per sfuggire ai nazisti.

gennaio 27, 2011 - Posted by | Uncategorized | ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: