Liberidiresistere

per non dimenticare

La Festa del 25 Aprile a Canale

L’associazione culturale per la memoria della Resistenza “Franco Casetta”,
in collaborazione con la Città di Canale e il Polo Cittattiva per l’astigiano e l’albese,
ricorda il 71° anniversario della Liberazione.

La commemorazione si terrà la mattina di lunedì 25 Aprile a Canale
con programma, luoghi ed interventi contenuti nel manifesto sottostante.
“Le Strade si dividono ma non i Cuori”

Siete cordialmente invitati alla manifestazione.

manifesto 25 aprile 2016

Annunci

aprile 24, 2016 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

Paolo ci ha lasciati

Cari amici, con profondo dolore annunciamo la scomparsa dell’amico Paolo Pasquero (Valter), partigiano della XXIIIa Brigata Canale e Presidente della nostra associazione Franco Casetta. Grazie Paolo per la testimonianza di una vita che serberemo nel cuore e che ci sarà sempre accanto nel cammino. Pace, libertà e democrazia.

2015 03 Cisterna1 per mail ridotta

 

 

marzo 11, 2016 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

Seguite il nostro Progetto: Percorsi, ambienti e Testimonianze verso la Liberazione del Roero

Volantino ormePartigiane rid

aprile 17, 2014 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

Celebrazione del 69° anniversario delle battaglie di Cisterna e Santo Stefano Roero

8marzo_volantino rid

marzo 7, 2014 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

“Riccardo Roberto, l’uomo che diede gli otto giorni al re”

Bailo_22novembre rid

 

 

 

novembre 19, 2013 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

La Famiglia Raimondo “Giusta fra le Nazioni”

Giovedì prossimo 7 novembre alle ore 11,00 a Canale verrà
consegnata l’onorificenza di “Giusto tra le Nazioni” a Beppe Raimondo di Canale.

Image

Image

La Famiglia Raimondo, Matteo e Marietta, con i figli Beppe (Classe ’21) e Maria Rita (Iuccia cl. ’25) salvarono la famiglia Levi, vicina di casa, sfollata a Canale qualche anno prima da Genova per sfuggire alle Leggi Razziali contro gli Ebrei.
La famiglia Levi, genitori e tre figli, all’aumentare del rischio di essere riconosciuti e internati, furono dapprima trasferiti presso la Parrocchia di San Rocco di Montà poi caricati su un carro da Beppe e trasportati nottetempo presso la cascina Paolorio a Sommariva Bosco dove passarono gli anni della guerra con quanto riuscivano a coltivare e grazie al continuo supporto della Famiglia Raimondo ad evidente grande rischio di essere scoperti a loro volta.
Dopo la guerra ritornarono a Genova e poi in Israele mantenendo un forte attaccamento con la famiglia Raimondo e il Territorio che li aveva ospitati.
In particolare il rapporto continuò con il figlio Elia e Pia, la più giovane delle due figlie, particolarmente legati a Beppe.
La famiglia Raimondo non aveva mai divulgato la vicenda ritenendola sempre un dovere di solidarietà umana e che “era una cosa che andava fatta”
Si deve ad Elia, ultimo superstite della famiglia Levi, la pubblicazione di un libro-diario in cui raccontò quanto capitò ma soprattutto ad un altro successivo libro in lingua Inglese, a carattere più vasto, la divulgazione della vicenda che ha dato origine alla onorificenza di Giusto tra le Nazioni a Beppe e la sua famiglia.

novembre 3, 2013 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento

Le celebrazioni per il 69° anniversario dei “23 giorni” della libera repubblica di Alba – 4 novembre, Festa dell’Unità Nazionale

“Il ricordo dei gio20160be40679fdf55e3ab1d5d02b69efrni che valsero ad Alba la Medaglia d’oro di cui fregia il suo gonfalone non deve mai cessare. Tanti uomini e donne, giovani e anziani, combatterono e sacrificarono la loro vita per restituirci quella libertà di cui oggi godiamo. Non dimentichiamoli mai”. Con queste parole il Sindaco di Alba Maurizio Marello presenta le celebrazioni organizzate per ricordare il 69° anniversario dei “23 giorni” (10 ottobre – 2 novembre 1944) durante i quali Alba si liberò dell’occupazione nazi-fascista e si proclamò “libera repubblica”.
Le iniziative sono organizzate dal Comune di Alba, dall’associazione Colle della Resistenza, dall’A.N.P.I. sezione di Alba e dall’associazione “Padre Girotti”.

Venerdì 25 ottobre, alle ore 21, nella Chiesa di San Giuseppe in piazzetta Vernazza 6, Edoardo Borra e Antonio Buccolo terranno un incontro dal titolo Vicini a Fenoglio. Un ricordo di Ugo Cerrato e Arturo Buccolo. La serata ripercorrerà il legame di amicizia tra Beppe Fenoglio e Ugo Cerrato (1927-2007), partigiano e maestro, e tra quest’ultimo e Arturo Buccolo (1963-2000), giornalista e operatore culturale albese. Ed è proprio la figura di Fenoglio a unire, oltre le generazioni e le convenzioni, Cerrato e Buccolo: la serata vorrà dunque essere un modo non scontato per riparlare di Fenoglio e dell’influenza che la sua persona e la sua opera hanno saputo esercitare su chi gli è stato vicino nella vita e chi l’ha conosciuto e continua a conoscerlo attraverso i testimoni, ma soprattutto grazie alle sue pagine.
Nel corso della serata sarà proiettato il documentario televisivo “Quell’antico ragazzo”, uno speciale trasmesso il 15 aprile 1997, a cura di Caterina Cannavà, all’epoca membro della redazione giornalistica di Telesubalpina.
Il documentario, della durata di 24 minuti, fu girato in occasione del progetto «Beppe Fenoglio 1922-1997» e della relativa mostra organizzata dalla Fondazione Ferrero di Alba con la cura di Arturo Buccolo. Cerrato e lo stesso Buccolo sono filmati e intervistati sulle Langhe e nei locali della Fondazione, e guidano i telespettatori lungo le stanze dell’esposizione, tra libri, fotografie, dattiloscritti, documenti vari e allestimenti (di Marco Poncellini) che avevano saputo restituire con efficacia e suggestione il percorso biografico e intellettuale dello scrittore albese a moltissimi visitatori.
Al termine della proiezione, seguirà un intervento su Padre Giuseppe Girotti, Giusto tra le Nazioni, in vista della sua proclamazione a beato, nella prossima primavera 2014.
Il Coro “Stella alpina” di Alba eseguirà canti della Resistenza e sulle persecuzioni razziali.

Venerdì 1 novembre, alle ore 15, nel cimitero cittadino, avrà luogo la Santa Messa celebrata nel “Campo della memoria”, alla quale seguirà un momento di riflessioni e ricordi sui Caduti.

Domenica 3 novembre, alle ore 11, nella chiesa della Madonna degli Angeli in località Altavilla, verrà celebrata una Messa in suffragio dei Caduti durante i 23 giorni e le rappresaglie che ne seguirono.

Giovedì 14 novembre, il sindaco Maurizio Marello presenterà il volume Riccardo Roberto, di Fabio Bailo, saggio biografico sul politico e parlamentare albese tra i fondatori del Partito comunista nel congresso di Livorno del 1921.

Seguiranno nel mese di novembre incontri nelle scuole ed altri momenti nel corso dei quali sarà presentato il quarto volume delle Strade delle memorie partigiane e verrà inaugurato il cippo commemorativo del partigiano Giovanni Daziano “Ivan”, caduto il 2 novembre 1944 nella difesa di Alba.

Per informazioni: Ufficio Stampa Comune di Alba tel 0173 292456 – 248

ottobre 17, 2013 Posted by | Uncategorized | Lascia un commento